giovedì 27 giugno 2013

Cose che amo.

Ho pochi minuti, qui non c'é tempo. Anzi c'é, ma si usa per ridere e cantare fino a notte fonda.
Ecco una cosa che amo.
Amo svegliarmi qui nel posto che mi ha ricordato parti di me.
Amo il colore di questo mare.
Amo le telefonate la notte che dicono dopo anni 'dove sei?' 'Cosa fai?' e 'sei la persona più meravigliosa che abbia mai conosciuto, senza cazzate..'.
Amo i pranzi a ridere e i ricordi di cosa é stato qui.
Amo la luna rosa, i miei amici e il crepuscolo (da me definito seretta).
Amo le persone, le mie, che ci sono e ci sono sempre state.
Amo il mio cervello che ha delle difese immunitarie strepitose, che resetta e debella l'inutile, il virus, quello delle cose orrende che travestite da meraviglie sono venute solo a ledere.
Amo che la convalescenza sia finita.
E ho un sorriso grande così.
Ed amo anche lui.
Grazie del regalo destino, mi hai salvata.


-'Oh é caduta ancora la linea..'
-' Sarà il karma..'
-' Sempre sia lodato.'

G&R

domenica 23 giugno 2013

Dare un nome alle cose

Oggi torno in Sardegna e non in una Sardegna qualsiasi, ma lì dove due anni fa ho fattto stagione,  ho vissuto 5 mesi della mia vita, ho conosciuto persone splendide ( nonostante il tempo meritano ancora questa definizione) e assolutamente di  merda (idem come l'altra parentesi).
Dove è stato segnato un punto di cambiamento.
Ho cambiato lavoro, frequentazioni, prospettive e sono cambiata un po' anche io. Sono cresciuta.

Non so dire in che modo mi abbia modificata, credo che sia poco onesto ed intelligente autodefinirsi, tra l'altro farlo con insistenza fa credere che non ci credi nemmeno tu alla tua autoindotta definizione.
Quindi non lo dico, sono cambiata, punto  e qualcosa di certo mi ha portato dove sono ora.

Bisognerebbe prendere in esame le parole per pensare bene a cosa si dice quando le si usa, prendiamo un termine a caso tipo :

BUONO : (Usa un punto di domanda alla fine dei significati per scoprire se ti ci puoi definire)

1 Conforme a ciò che è ritenuto il bene morale - (???)

2 Benevolo, ben disposto nei confronti degli altri - (Altri  in cui non sia compreso tu)

3 In vigore, non scaduto, valido - (attenzione che VALIDO è un parolone)

4 Apprezzabile per dignità  - (io passerei subito al punto 5)

5 Utile, conveniente, vantaggioso - (Utile . . mmmm . . vantaggioso . . . mmm . .)

6 Valido, fondato, giusto - (ecco . .)

Risposte date? Io sì.
NO.
Per sei volte.
Diamo un nome alle cose.
Quello giusto però.

Oggi torno al mio punto, chiudo il cerchio e dico ciao con un sorriso inspiegabile.




- Come si dice bottiglia in inglese?
- Beer.
  A.









venerdì 21 giugno 2013

Essere piccoli

Da bambina ero odiosa.
Peggio di adesso, di certo.
Il che è tutto dire.
La cosa che mi rendeva particolarmente insopportabile era il mio smisurato egocentrismo condito da una totale incapacita ad accettare di NON avere quello che volevo.
Avevo il 90% delle probabilità di diventare una ragazzina e poi una donna viziata ed attaccata ai soldi.
Poi non so cosa sia successo.
Oddio, non che volessi crescere così . . .
Ad una fiera ho frignato a 98 decibel, pestando i piedi e buttandomi per terra facendomi trascinare per metri perchè volevo tantissimo l'orsetto della duracel che saltava la corda.
L'ho ottenuto per esasperazione.
A 3 anni se mia madre cercava di comprarmi un vestitino, io mi mettevo davanti allo specchio del negozio e facevo la ruota.
Se il vestito non faceva una ruota dignitosa che neanche un pavone io non lo volevo.
Sono solo esempi, sicuramente ce ne saranno molti altri.
Detto questo mi chiedo : che fine ha fatto quella bambina?
Non che fosse da salvaguardare, ma possibile che non sia rimasto un bricciolo di Ego con peso specifico significativo?  Un po' di quel motore da ''Io valgo,, ? Quel VOGLIO perchè lo MERITO?

Credo che scaverò per ricercare un po' di quella nanetta capricciosa, che permetteva agli altri di viziarla senza sentirsi in colpa, che non si accontetava  e si amava un po' di più.
Giusto un pochino.
Giusto per fare ancora la ruota con la mia gonna a scacchi, se mi va.




- Tutti si sposano e fanno figli . . . io se vado avanti così non mi sposerò mai e chissà tra quanto   
  diventerò padre . . .
- Guarda che ci vuole poco. . . un figlio lo fai in 15 minuti . .Tu anche in 5.
   G&C






martedì 18 giugno 2013

Gente da serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellule enterocromaffini nell'apparato gastrointestinale, principalmente coinvolta nella regolazione dell'umore.

La cara Wiki la definisce così.
I chiunque, come me, la chiamano 'ormone del buonumore'.
Insomma più ne hai meglio è.
Non averne abbastanza è una brutta storia..
Non pensate che passi in osservata, quando latita è evidente a tutti, a te soprattutto.
 
Inoltre:
I recettori della serotonina influenzano vari processi biologici e neurologici, come l'aggressività, ansia, appetito, conoscenza, apprendimento, memoria, umore, nausea, sonno e termoregolazione.

Aggressività: potrei venderla al mercato.
Si manifesta nei momenti meno opportuni, quei momenti dove non sarebbe giustificata (Ma tu la giustificazione ce l'hai e come perchè hai la serotonina ai minimi storici!), quei momenti che ti fanno passare per una pazza isterica, quelli che ''che acida..dovrebbe trombare di più..'' (ottimo consiglio, trombare alza la serotonina..)

Ansia: è stata mia fedele compagna per una vita. Ora sta al suo posto, ma so che è lì.

Appetito,conoscenza apprendimento e memoria: possiamo metterli tutti insieme, tanto complottano e si presentano ad intermittenza, senza logica.

Umore: Ehm...questo lo salterei....

Nausea e sonno: anche loro ora ci sono, ora no, ora sì, ora no.

Termoregolazione: di solito ho più freddo che caldo..vorrà dire qualcosa?

Insomma il segreto per essere felici è fare cose che fanno alzare il nostro livello di serotonina.
Tipo cosa?
Ognuno ha le sue teorie.
C'è chi suggerisce il cioccolato (fosse una bufala io comunque ne traggo soddisfazioni..), chi le erbe, altri le droghe, farmaci, ananas, banana (di chi poi..?)..

Io ho scelto la mia terapia da serotonina.
Sole, mare, risate, 30° gradi, i colori delle cose, i gatti, la mia peste dalle orecchie enormi e le mie persone.
Persone da serotonina altissima.


Nel bene e nel male circondatevi di persone che impennano il vostro ormone felice.
Vi salverà la vita.
Quella vera.


- ' Buono, che vino è?'
- ' Non lo so..per me dopo il 4° bicchiere è tutto Tavernello.
    R.






domenica 9 giugno 2013

Pelle

La pelle è, tra i 5 sensi, il più nobile in assoluto.
E' ovunque, sente in tutti i modi.
Sente tutto.
Sentire a pelle.
Con la pelle ti innamori, ti emozioni, ti sfiori, senti i brividi, ti avvicini alle persone, senti il calore, il freddo, la paura.
Sente tutto, anche le cose sbagliate.
Ma la domanda è: anche quando ha evidentemente sbagliato, come puoi fingere di dimenticarti di quella pelle che sentivi tua?
Lobotomia totale. Non ho altre soluzioni.
Oppure aspettare che la nostra pelle ci tiri qualche altro scherzo.

Questo per parlare di pelle, per le palle invece è tutta un'altra storia.

Domani mattina vado in Sardegna a lavorare.
Ciao.


- '' Ha detto che era una cosa che gli veniva da dentro..''
- '' Sì, vabbè.. anche le scoregge vengono da dentro ma non è che devi farle per forza.''
     G&C



venerdì 7 giugno 2013

Dualismi prepotenti

Come si spiega quando in una persona sola convive un sentimento e il suo perfetto opposto verso la stessa situazione?
Follia, forse.
E c'è la concreta possibilità che ci si arrivi..
Non hai più una cosa che avevi, ti allontani per vedere da una prospettiva migliore...Risultato: peggio di prima.
Una parte di te ne vede i difetti, le parti mancanti, le cose che sapevi avresti dovuto accettare, sperando che migliorassero con il tempo e pensi che forse, tutto sommato, in fondo in fondo a te non era quello che volevi davvero.
L'altra vede le cose belle, quelle che ci sono state e per quanto simili non potranno mai essere uguali, perchè quelle sono lì.
Poi ti monta un odio che spaccheresti tutto e subito dopo ti viene una serena malinconia, a volte anche non serena.
La verità è che se la gente fosse sincerà anche nelle sue incomprensioni sarebbe tutto più facile... ma non ho nessuna voglia di parlare di moralità.
Ho letto girando per il web che alle situazioni finite andrebbe messa una cornice.
Ti metti lì e pensi alle cose belle che ci sono state e metti una cornice vera e propria, come fosse un quadro.
E poi la inchiodi al muro figurativamente, anche se non era lei che vorresti inchiodare al muro.
Dovrebbe servire ad incanalare il dolore della perdita più velocemente.
Bha, un Vaffanculo e Martini non erano meglio?
O una bella botta di culo ( per una volta) che ti distragga un po'?
In fondo io so cosa voglio, ma non so se si trova lì dove ho creduto.

L'altro ieri,mentre ero a tagliarmi la chioma, c'era seduta vicino a me una vecchina di più di 70 anni, di quelle che si tagliano i capelli corti e mettono i bigodini in posa per 36 ore ( si pettinano tutte così a quell'età, tra l'altro).
Fuori pioveva inaspettatamente.
Dopo poco entra un signore sull'ottantina con un ombrello in mano,il marito.
-''Ti ho portato l'ombrello..così se quando esci piove non ti bagni..''
UAO generale.
- ''No, ma l'ho portato..''
-''Ah allora fa niente, meglio..''
UAOOOO generale 2
Complimenti vari, nostri a lui e alla moglie fortunatissima ad avere un uomo così
E lui per uscire dall'imbarazzo dell'essere al centro dell'attenzione conclude con:
-''Siiii ma prima di portaglielo ci ho fatto i buchi...!''
Io voglio questo.
Volevo solo questo.



''Babbo Natale: solo anni dopo mi resi conto che era il primo di una lunga serie di uomini in cui non avrei dovuto credere.''
G.S.








mercoledì 5 giugno 2013

Tagli netti

Definizione del Verbo TAGLIARE ( con definizione della definizione secondo il punto di vista di oggi) :

1 Dividere qlco. in più parti o staccarne una o più parti dal resto per mezzo di uno strumento affilato:
Le dita puntate, soprattutto se dovrebbero esser dita complici, ti smembrano. Sei un lego e non ti ricordi più bene chi sei e chi eri prima di quel momento.

2 Produrre un taglio su qlco. con uno strumento affilato:
Sarebbe sempre bene ricordarsi che quando blateri cattiverie, anche se tu tra 8 minuti le dimenticherai, l'altro se ne ricorderà perfettamente, per un innumerevole quantità di tempo.
Il fatto che quel qualcuno continui a trattarti da persona, nonostante tu ti sia comportato da merda non ti salva, nè ti perdona, nè crea oblio. Ahimè.

3 Accorciare qlco. con uno strumento affilato:
Siamo in fase di tagli. Potare le piante fa crescere germogli nuovi. Magari funziona. Alla fine oggi taglio i capelli.


4 fig. Abbreviare, ridurre qlco, eliminare una parte di qlco. togliendola dall'insieme

Facevi parte di un tutto, e questo tutto adesso non c'è più, così, di punto in bianco. Eri seduta sul tuo bel      sedile vicino al guidatore, cantando le canzoni della radio, poi sei scesa a fare la pipì un secondo e ciao. Ciao  sedile, ciao radio, ciao guidatore. Sei da sola all'autogrill.

5 fig. Ostacolare o impedire il passaggio di qlcu. o di qlco. : 
Scegli di non andare oltre ad uno ostacolo, anzi di non prendere nemmeno in considerazione la possibilità di cercare un modo per saltarlo, pensando che sia più comodo, almeno non si prendono decisioni.
Non si hanno reponsabilità.
L'informazione di servizio è che questo atteggiamento E' UNA SCELTA.
E la responsabilità è tua.

 6 fig. Incrociare, intersecare qlco. :
 Speriamo.

Tagliare è ufficialmente il mio verbo del giorno.



-'Amore cosa devo fare per conquistarti?'
-'Stare zitto prima di tutto..'
  G&F











 

lunedì 3 giugno 2013

La ricetta di Sti Cazzi.

Sono reduce da una settimana di barche in naufragio, 13 ore di lavoro, sconforti generali e febbre da vaffanculo (un virus difficile da debellare).
Questo periodo mi ha portato a sviluppare quella coltre idrorepellente che non sempre ci rappresenta.
Quando c'è, però, cambia le sorti di chi la indossa.
E' quella fase in cui senti che le cose scivolano un po' di più.
Probabilmente è l'anticamera della follia, tant'è aiuta.
Non che non ti tangano gli avvenimenti, quello mai, figurarsi.. ma li guardi in modo un po' più distaccato, azzarderei a dire lucido e ne trai qualcosa.
Io ne ho tratto la ricetta di sticazzi.
E' molto semplice: basta dividere le preoccupazioni per punti ed analizzarle dal punto di vista di uno a cui non frega un cazzo.
Ad esempio..
  1. Non ho il lavoro che vorrei, perchè non so nemmeno più tanto bene cosa vorrei, sono frustrata e preoccupata. - Se guardi indietro tutto sommato fino ad ora hai fatto quello che volevi fare, in un modo o nell'altro. Forse hai dei desideri di merda. Pensaci. Anche questa volta succederà qualcosa (succede sempre qualcosa) e troverai la soluzione. Quindi Sti Cazzi.
  2. Sono stanca di essere triste, vorrei avere una vita diversa, più leggera più spensierata. -Non esserlo. I problemi esistono e seppur brutti passano. Tra l'altro la gente che se ne fotte ( di solito perchè è una merda, ma questo è un dettaglio non una regola..) ha casualmente una vita con meno accadimenti problematici. Fallo anche tu, fottitene un po'. E Sti  Cazzi.
  3. La mia barca è naufragata, io sono in acqua aggrappata ad un salvagente sgonfio. - Forse non era la barca giusta. Forse ne passerà una migliore a recuperarti. Forse passerà la stessa. Forse imparerai  a nuotare. Ma di fatto se ci pensi un po' meno, succede sempre qualcosa. Quindi Sti Cazzi.
  4. Mi sembrano tutti così vincenti e splendidisplendenti, tranne me. - Se lo pensi sarà sicuro così, quindi smettila di pensarlo. Tra l'altro l'hai pensato almeno 400 volte nella tua vita e se adesso ci ripensi non sembra più tanto vero, quindi... Sti Cazzi.
E via così...

AVVERTENZE: sti cazzi non è come far finta che non sia vero. Quello è da vigliacchi.


Ah voglio tagliarmi i capelli, ma poi di solito piango dopo averlo fatto.
Faccio sempre così, ma poi se riguardo le vecchie foto non mi vedo così male.
Quindi credo che lo farò e sti cazzi.


- Sei ore per scegliere un gelato e ce ne sono 4..
-Ma io vedo il frigo mezzo pieno.
 B & G










Potrebbero piacerti (forse)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...