lunedì 3 giugno 2013

La ricetta di Sti Cazzi.

Sono reduce da una settimana di barche in naufragio, 13 ore di lavoro, sconforti generali e febbre da vaffanculo (un virus difficile da debellare).
Questo periodo mi ha portato a sviluppare quella coltre idrorepellente che non sempre ci rappresenta.
Quando c'è, però, cambia le sorti di chi la indossa.
E' quella fase in cui senti che le cose scivolano un po' di più.
Probabilmente è l'anticamera della follia, tant'è aiuta.
Non che non ti tangano gli avvenimenti, quello mai, figurarsi.. ma li guardi in modo un po' più distaccato, azzarderei a dire lucido e ne trai qualcosa.
Io ne ho tratto la ricetta di sticazzi.
E' molto semplice: basta dividere le preoccupazioni per punti ed analizzarle dal punto di vista di uno a cui non frega un cazzo.
Ad esempio..
  1. Non ho il lavoro che vorrei, perchè non so nemmeno più tanto bene cosa vorrei, sono frustrata e preoccupata. - Se guardi indietro tutto sommato fino ad ora hai fatto quello che volevi fare, in un modo o nell'altro. Forse hai dei desideri di merda. Pensaci. Anche questa volta succederà qualcosa (succede sempre qualcosa) e troverai la soluzione. Quindi Sti Cazzi.
  2. Sono stanca di essere triste, vorrei avere una vita diversa, più leggera più spensierata. -Non esserlo. I problemi esistono e seppur brutti passano. Tra l'altro la gente che se ne fotte ( di solito perchè è una merda, ma questo è un dettaglio non una regola..) ha casualmente una vita con meno accadimenti problematici. Fallo anche tu, fottitene un po'. E Sti  Cazzi.
  3. La mia barca è naufragata, io sono in acqua aggrappata ad un salvagente sgonfio. - Forse non era la barca giusta. Forse ne passerà una migliore a recuperarti. Forse passerà la stessa. Forse imparerai  a nuotare. Ma di fatto se ci pensi un po' meno, succede sempre qualcosa. Quindi Sti Cazzi.
  4. Mi sembrano tutti così vincenti e splendidisplendenti, tranne me. - Se lo pensi sarà sicuro così, quindi smettila di pensarlo. Tra l'altro l'hai pensato almeno 400 volte nella tua vita e se adesso ci ripensi non sembra più tanto vero, quindi... Sti Cazzi.
E via così...

AVVERTENZE: sti cazzi non è come far finta che non sia vero. Quello è da vigliacchi.


Ah voglio tagliarmi i capelli, ma poi di solito piango dopo averlo fatto.
Faccio sempre così, ma poi se riguardo le vecchie foto non mi vedo così male.
Quindi credo che lo farò e sti cazzi.


- Sei ore per scegliere un gelato e ce ne sono 4..
-Ma io vedo il frigo mezzo pieno.
 B & G










4 commenti:

  1. Bello ritrovarti a scrivere. Mi piace. E da marchesa di sti cazzi, non potevo che notare questo fra tutti gli interventi.
    Bisogna avere il caos dentro per generare una stella che danzi. E se è vero che sei Bellissima, la tua Bellezza è proprio ciò che nasce dagli spiragli che crea il tuo caos interiore.
    Ed uno sticazzi dopo l'altro, diventerai ancora più Bellissima.
    Ciao, scema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É un piacere sapere di essere seguita da te,guru.. Avrei proprio bisogno di te e i dei tuoii poteri adesso..

      Elimina
  2. Del punto 4 ne abbiamo parlato proprio sabato...questo non l'avevo ancora letto.
    Mi ci ritrovo un sacco...un po' in tutto.
    "...sembrano tutti così vincenti e splendidisplendenti, tranne me".
    E tranne me.
    Sti cazzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La parola chiave é SEMBRANO...

      Elimina

Potrebbero piacerti (forse)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...