venerdì 3 gennaio 2014

Tre

Terzo giorno del nuovo anno.
Tre, un bel numero insomma.
Numero perfetto, magico, a volte incomodo come il terzo, ma non si puo' avere solo pregi nella vita.
Tre come i secondi che ci metto per confutare la cosa bella che mi hai detto.
O tre come le parole che uso per girarla al negativo, non importa se ad alta voce o a mente. Lo faccio.
Tre come i minuti massimi di concentrazione che ho ultimamente.
Tre come i desideri da far realizzare al genio della lampada.
Che poi se non hai tempo puoi cominciare da uno.
Tanto se sai usare bene le parole, in uno ci metti praticamente tutto.
Tre come i porcellini.
Che idioti, io tenevo al lupo.
Però persino i Tre porcellini avevano una casa tutta per loro.
Anzi Tre.
Tre come le ore che ci metto ad addormentarmi.
Tre come i moschettieri, anche se quello che contava alla fine non faceva parte dei Tre.
Tre come le regole base, che nel mio nuovo anno non contano più.
Tre il numero massimo fino a cui sono disposta a contare prima di incazzarmi quando devo.
Perchè a volte devi non è che vuoi.
Tre come il numero minimo di menate che mi faccio su molteplici aspetti della vita ( Tre in particolare Io / Te / Noi.)
Tre come i secondi di tempo che ho per prepararmi ed uscire.
Che sono già in ritardo.
Muoviti.



- ' Fai quello che vuoi, ma non farti rovinare la faccia.
     Che tolta quella non ti restano pregi. '
     G.






Nessun commento:

Posta un commento

Potrebbero piacerti (forse)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...