martedì 5 agosto 2014

Tieni il tempo ( se ci riesci)

Tieni il tempo.
Cantava Max.
1995.
Ritmo.
Con le gambe con le mani.
Tanto non cambia.
Provaci pure a tenere il tempo, tanto è lui che tiene te.
Il tempo non esiste.
Ma ci guarda tutti i giorni.
Ed ha un sapore che cambia continuamente.
Sapore agrodolce vestito di malinconia, quando 'ti ricordi quella volta'
e si ride, e lo si guarda come una bella foto appesa al muro.
Sa di rancido quando si ricorda il dolore di un momento che, per quanto sbiadito, fa sentire la stesso odore pungente, quello della paura.
Paura che torni, che si riproponga , che si ripresenti quel ritaglio di passato, che resusciti dal defunto ieri.
Sa di caramello e zucchero filato, ai limiti della nausea, quando torni sui passi di quello che è stato, e ti coccoli quei  quattro momenti belli (perchè se ci pensi bene, ce ne sono stati giusto quattro, non di più... fidati) facendoli diventare motivo di domande insensate, zavorre per non proseguire.
E intanto la nausea sale.
Sa di troppe sigarette e pessimo alcool, ma ha un colore terso e acceso, quando è nostalgia.
Di quei momenti lì che sembravano spensierati, ma che in realtà avevano più pensieri di adesso.
Quando eravamo vivi tutto d'un fiato per non morire.
Serate leggere, con i pensieri rimandati, regalati a qualcun altro
Quando questa notte è ancora nostra e il giorno è di tutti tranne che mio.
Qualsiasi sia il gusto del passato ci capita di stare lì a tesserlo per ore.
Disfarlo e rifarlo come una penelope annoiata.
Dimenticandoci, da bravi essere umani, che quello che c'è adesso è quello che dovremmo guardare bene.
Da vicino.
Dovremmo occuparci di oggi.
Che intanto passa.
Con le gambe con le mani.
E non fermarti fino a domani.
Che domani è tardi.


-' E se aspetto un bambino???'
-' E tu non aspettarlo.. vai.'
  C&Z









Nessun commento:

Posta un commento

Potrebbero piacerti (forse)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...