martedì 13 gennaio 2015

Liberi tutti

Tutti la cercano, tutti ne parlano, tutti la vogliono, la pretendono, la amano, tutti la bramano.
Tutti.
Anche io.
E' la libertà l'oggetto del desiderio.
Ma quanto ci fa paura questa libertà tanto agognata , quella che ci invita a scegliere.
Giusto o sbagliato.
Essere liberi è una responsabilità enorme, prevede il carico totale delle nostre libere scelte.
E tutte le conseguenze sono solo tue, uomo libero.
Per questo ci è più comodo barricarci dietro alla scusa che qualcuno ce la limiti.
Così tutto ciò che è stato o no è responsabilità indotta di terzi, quelli che ci hanno condizionato, influenzato, costretto.
La libertà la amiamo sì, ma è una relazione che ci spaventa, in cui non ci vogliamo impegnare, troppe implicazioni.
La amiamo finchè non l'abbiamo,preferiamo una relazione immaginaria e discontinua.
Di certo non la sposiamo, perchè ci può dare tantissimo,vero, ma il prezzo da pagare è spogliarci di tutte le scuse.
In questi giorni di libertà ne parliamo tutti, siamo tutti paladini di questa Dea che ci incanta.
La libertà d'espressione, di pensiero,di azione.
Ma nelle nostre quotidiane vite non sappiamo dimostrare quello che pensiamo, ci contraddiciamo tra gesti e parole e non sappiamo dire quello che davvero pensiamo nemmeno a chi di fronte a noi ce lo chiede.
E c'è chi ne parla a sproposito,per assolutismi.
E chi la vede nella libertà di fare quello che vuole quando vuole,ma nelle cose piccole e inutili, che sono più capricci che conquiste.
Chi la concepisce nella solitudine, come se stare solo fosse una scelta libera, dimenticando che stare in uno è sempre un passaggio, una condizione, mai una scelta.
Anche il più convinto dei solitari, davanti ad un sentimento vorrà cambiare la sua condizione da uno a due ed è lì,che sta la libertà di scegliere, la libertà di essere dove si vuole, con tutte le responsabilità di far parte di qualcosa.
Libertà, Libertà.
E la trasformiamo in una fede professata e non praticata.
La preghiamo e ci manca, ma quando potremmo davvero esercitarla non lo facciamo mai.
Non sappiamo andare via quando non stiamo più bene, non sappiamo dire ti odio, ti amo, vaffanculo, non sopporto questo, sto bene, sto male, sono felice, sono infelice, ho paura, aiuto, no, si.
Dovremmo davvero cercarla questa libertà, ma non nelle piazze e nelle manifestazioni, in mezzo anche a chi di libertà ne conosce solo la negazione e la usa a suo vantaggio, non nelle vignette che fino a ieri nemmeno conoscevamo, non nel fare nostre le cause degli altri.
Dovremmo iniziare a cercarla davvero nelle piccole cose, nei nostri giorni, tra i nostri pensieri.
E praticarla, conoscerla, capirla,con tutte le sue difficoltà.
Almeno sapremmo cosa stiamo difendendo.
 
 
- ' Io sono libero e faccio quello che voglio.'
- ' Bravo. Sentiti pure libero di levarti dai coglioni,adesso.'
    Z.





Nessun commento:

Posta un commento

Potrebbero piacerti (forse)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...