mercoledì 4 febbraio 2015

E chissenefrega

E mentre il vino rosso parla per me.
Trova le parole.
Al posto mio.
Perchè ogni tanto ci vuole un'anestesia totale, una spina staccata dal generatore della razionalità.
E chissenefrega del tempo che passa.
Delle notti insonni a pensare a cose che domani non ci saranno.
Del lavoro finalizzato.
Alla casa col giardino.
Alle cifre del conto in banca.
Delle tasse e delle rughe
E chissenefrega della realizzazione se non puoi tornare a casa a raccontarlo.
Se non puoi dividere un bicchiere in due.
Se non c'è chi ruba dal tuo piatto, dal tuo frigo, dai tuoi pensieri, dalla tua persona.
E chissenefrega tutto se non c'è l'emozione.
Che va dal delirio alla serenità, all'inebriante felicità.
Se non c'è il motore, la spinta, la voglia.
Se non c'è quello che ti travolge, che ti fa fare quello che non sapevi di voler fare.
Se non c'è la fantasia , il battito accelerato, la voglia, 
Se non c'è cosa ti fa gridare, ti fa correre in quella direzione, che ti travolge.
Ma chissenfrega delle relazioni se non ci sono le dita intrecciate.
La pelle con la pelle.
Il fiato che manca.
Gli occhi negli occhi.
Il leggeresi.
Nella testa, nel cuore, dentro dove tu non sai vedere, dove non vuoi guardare.
Ma chissenefrega della vita se non c'è l'alta marea.
Il mare in tempesta e poi quell'olio su cui navigare, quando non te lo aspettavi più.
Se non c'è la follia, l'insensatezza, l'istinto.
Che ti fa fare le cazzate che racconterai a te e agli altri.
Le uniche che ti ricorderai.
E chissenfrega se non c'è senso ne logica nelle parole scritte, nel senso e nel flusso del pensiero senza forma.
Chissenefrega di quando, ci interessa solo il come.
E quanto.


- ' Come i 3 moschettieri. Athos, Porthos e PATHOS. '
    C.




Nessun commento:

Posta un commento

Potrebbero piacerti (forse)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...