lunedì 23 marzo 2015

Alta fedeltà

'' La fedeltà è un prurito che non ti puoi grattare''
Che bella immagine.
A guardarsi in giro pare che ci siano eserciti di esseri umani affetti da tale orticaria.
Come si può vivere senza darci una grattatina.
Giusto per avere un po' di sollievo.
Che poi, sollievo da che?
Dalla vita che ti sei scelto.
Dalla persona che tu hai voluto.
Il motore primario pare sia che ci interessa piacere a Tutti.
Anche se Tutti ha una definizione profondamente soggettiva.
Se piaccio a tutti sono un figo.
Se tutti dicono che sono un coglione, non è vero e l'opinione di tutti non ha più peso.
Chissenefrega di tutti.
Giusto.
Logico.
Quindi giriamo come trottole alla ricerca di qualcosa che ci faccia sentire come non ci sentiamo.
Che riempia i vuoti che abbiamo.
Anche se non mi sembra ci voglia Einstein per capire che vuoto più vuoto da come risultato il vuoto assoluto.
Non sono nessuno per giudicare questa condizione.
Non sono affetta da questa insostenibile forma di scabbia.
E non so ancora se vantarmene o farmi ricoverare.
Perchè pare sia la norma.
E si sa che se sei fuori dalla norma, non sei normale.
Eppure continuo a credere che questa ricerca spasmodica sia come una corsa ai grandi magazzini durante il 'fuori tutto'.
Capi buttati sugli scaffali a bassissimo costo.
Offerte talmente basse che non si può dire di no.
Si prendono i capi a manciate.
E chissenefrega se poi quello che hai tu lo hanno avuto anche tutti gli altri.
Chissenefrega se quando torni a casa ti accorgi che quella cosa non ti piace più.
Che valeva addirittura meno di quanto l' hai pagata.
E vi renderete conto che a volare basso vi siete ridotti ai minimi termini anche voi.
Ma ripeto, io non posso capire.
Non capisco nemmeno quando mi sento dire:
'Ma se ci prova una bella donna, anche se sei fidanzato, cosa fai,dici di no?'
Ma figurati!
Mai.
E' un po' come se, dopo una gustosa e soddisfacente cena nel vostro ristorante preferito, vi venga offerta un'aragosta al posto dell'amaro.
Cosa vuoi fare? Rifiutare?
E quindi abbuffatevi, mangiate fino alla nausea.
Così il massimo che guadagnerete sarà vomitare in bagno.
Dell'aragosta non vi rimarrà nulla e avrete buttato anche la vostra fantastica cena giù per lo scarico.
Buon appetito, ragazzi.
Io continuo volentieri a non capire una cazzo.
A mangiare solo quello che davvero mi da un piacere infinito.
A vestirmi solo di quello che mi fa sentire meravigliosamente bella e unica.
E prima di allora, se sarà necessario,andrò in giro nuda.
Che tanto, immune dalla scabbia della fedeltà, non avrò la pelle deturpata dal compulsivo grattami.


- ' E' come volere la moglie piena e la botte ubriaca. Non dargli panforte. '
    A.





Nessun commento:

Posta un commento

Potrebbero piacerti (forse)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...