venerdì 10 luglio 2015

Nuda Veritas

Era lì,  in piedi.
Senza un abito addosso.
Non un lembo di tessuto.
Vestita solo della sua pelle.
E di tutto il suo passato, di tutti i sogni che ha paura di confessare anche a se stessa.
Li vedo da qui, mentre la guardo.
Mentre si muove come se fosse sola in casa.
Come se non ci fossi.
Le vedo tutte le sue paure mascherate, le sue fragilità che nasconde.
Sono io il suo specchio.
Quello dove si specchia apparentemente distratta.
Quello nel quale vuole guardare la sua immagine riflessa, dove vuole scoprire parti di sé che, sola, non sa vedere.
Non chiede quasi mai attenzioni lei.
Non chiederebbe nemmeno l'acqua nel deserto.
Ma io so quanto ne ha bisogno, quanto desidera essere protetta.
Me lo dice senza parlare.
Regalandomi tutta sé, vestita solo della sua pelle, senza un lembo di tessuto, senza un abito addosso.
Nuda, fuori e dentro.
È concedendomi questa rarità, che mi sta dicendo che ha scelto me.
E che vorrebbe la scegliessi altrettanto.
Lo so perché la conosco.
La conoscevo prima ancora d'incontrarla.
- ' Perché no? '
- ' Perché è troppo vero per essere bello'
    A.

Nessun commento:

Posta un commento

Potrebbero piacerti (forse)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...