martedì 15 dicembre 2015

Insonnia, deliri e mal di gola in breve

Ci sono notti che si passanno abbracciate all'insonnia.
Vicina, vicinissima, tanto che non sai più qual è il suo spazio e qual è il tuo, dimenticandoti che in realtà non c'è spazio che possa essere definito suo perchè il letto è tuo.
Ti si aggrappa addosso e non riconosci più molto bene dove inizia lei e finisci tu e il sonno non sa dove infilarsi.
È così in questa orgia di cose che non c'entrano, non sai più cosa hai sognato e cosa è vero.
Tipo:

Io che guido un camion che porta scatole di riso al ciccolato verso il Sud Italia, devio il mio percorso per salutare la mia amica abbruzzese, lascio il camion, il mio, in mezzo alla strada e penso che forse non sto facendo bene il mio lavoro.

Parlare per un' ora del fatto che non so mai in quali giorni ritirano il vetro in questa città che è la mia da due anni e scoprire che lo sto dicendo al cane e a lui non interessa nemmeno tanto.

Passeggiare per le vie del centro, un centro, non so quale, vedere un libro in vetrina pensare 'Ah! ma è il mio!' Essere invitate ad entrare in libreria, subire domande a raffica e scoprire di non aver nulla da dire che non sia già stato detto.

Pensare di dormire con te vicino che di notte sei particolarmente romantico anche se la mattina non te lo ricordi, ma io sì.

In tutto questo delirio, non so come, il mal di gola ha trovato il suo posto e credo gli piaccia perchè è ancora qui.


Nessun commento:

Posta un commento

Potrebbero piacerti (forse)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...