giovedì 6 aprile 2017

Fallo tu.

Abbiamo tantissime idee su quello che dovrebbero fare gli altri e quasi nessuna su quello che dovremmo fare noi.
O meglio.
Sappiamo cosa dovremmo fare, ma poi non lo facciamo quasi mai.
Allora ci distraiamo da noi stessi decidendo cosa devono fare tutti gli altri che non siamo noi.
Un po' lo schema di quelli che guardano le partite di calcio sul divano e gridano allo schermo cosa deve fare un calciatore che non sa fare il calciatore, che però lo fa.
Lui.
Quello sul divano no.
Altrimenti non sarebbe sul divano.
Comunque non è un grande esempio perchè io non le guardo le partite e anche se le guardassi non avrei niente da dire perchè non ci capisco nulla.
Come di un sacco di altre cose.
Che a dirla tutta non è un male perchè si genera una buona dose di stupore quasi quotidiano che mi piace molto e mi dà sempre quella sensazione che il viaggio sia ancora lungo.
E a me piace viaggiare.
Ma non divaghiamo.
Il fatto è che sento sempre più spesso dire che qualcuno poteva fare qualcosa o meglio non ha fatto qualcosa.
Tipo

''Non mi chiama mai''.
''Non mi scrive mai''.
''Non mi cerca mai''.
''Non mi abbraccia mai''.
''Non mi dice mai.''

Che a guardar bene, tradotto, è che quella persona la vogliamo sentire, ci vogliamo parlare, la vogliamo abbracciare.
E sarebbe semplice.
Fallo tu.
Invece di aspettare sempre che quello che l'orgoglio o la paura non ci fanno fare lo faccia qualcun altro per noi.
Fallo tu.
E io posso dirlo perchè lo faccio anche io.
Anche io resto in attesa che quel che voglio me lo porti sempre qualcuno di diverso da me.
Ma giuro che sto cercando di smettere.
Che ogni volta che lo faccio mi sento come chi dal finestrino di un treno fermo pensa di muoversi vedendo gli altri andare via.





Nessun commento:

Posta un commento

Potrebbero piacerti (forse)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...